Roma, antica area artigianale riemerge a Palazzo Corsini

Antica area artigianale a palazzo corsini

Durante la messa in sicurezza di Palazzo Corsini è riemersa un’intera area commerciale con pavimentazione, strutture murarie, anfore di grandi dimensioni, molte delle quali perfettamente conservate, e il resto di un forno per la cottura della ceramica. Nell’area, che risale al I-II secolo d.C, è stato ritrovato anche un condotto per le acque provenienti dal Gianicolo.

La Soprintendenza, che ha definito la scoperta come “un ritrovamento unico e importante”, spiega che avrebbero dovuto annunciare e illustrare la scoperta in una conferenza stampa a fine mese, ma la notizia è stata anticipata dalla stampa nazionale.

Nel giardino storico del Palazzo dove oggi hanno sede la Galleria Corsini, museo di Stato (Ministero per i beni culturali) e l’Accademia nazionale dei Lincei l’area di scavo è ben visibile e in un pannello del cantiere si legge che “allo stato attuale della ricerca si ritiene che il complesso potesse essere utilizzato per la cottura di materiale ceramico e l’invetriatura di oggetti fittili”.

Tuttavia, quello che oggi è possibile vedere sbirciando nell’area di scavo potrebbe essere ricoperto una volta ultimati i lavori. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, l’area verrà nuovamente coperta perché si tratta di un giardino storico, il giardino di una dimora prestigiosa che ha visto tra i suoi inquilini anche Cristina di Svezia e Giuseppe Bonaparte.

La notizia è stata pubblicata sul Corriere della Sera il 14/03/2019.

La redazione,

Siti Archeologici d’Italia

Foto: tratta da Il Corriere della Sera