Riapre il Tuscolo, il parco archeologico nel cuore dei Castelli romani

Parco archeologico di Albintimilium

Dopo quasi un anno di chiusura riapre al pubblico il Parco del Tuscolo. Nel fine settimana del 13 e 14 aprile è fitto il programma di attività alla scoperta del parco tra cui visite guidate, laboratori e un concerto.

Tusculum può considerarsi il cuore antico dei Catelli Romani. L’antica città, secondo la leggenda fu fondata da Telegono, figlio di Ulisse e della Maga Circe intorno al XV secolo a.C. Si oppose a lungo alla potenza romana ma poi fu sconfitta da Roma nel 496 a.C. Divenne residenza estiva di imperatori e senatori, fiorente centro e la sua fama si mantenne fino al Medioevo quando fu definitiva distrutta nel 1191.

Da allora tante vicende hanno toccato il territorio di Tusculum che finì nell’oblio fino a quando la Comunità Montana Castelli Romani acquisì il parco. Dagli anni Novanta sono state condotte numerose campagne di scavo e oggi molte e preziose sono le rovine della città che sono state portate alla luce.

Il percorso di visita del Parco — zona di riserva integrale — si snoda attraverso i resti del centro urbano: troviamo il Foro, i resti del tempio di Mercurio e della Basilica, l’area dei tempietti, la Fontana Arcaica e il teatro risalente al 75 a. C., simbolo del Parco, con cavea semicircolare. Seguendo i basolati della Via dei Sepolcri, sono visibili i resti dell’edifico termale scavato recentemente e del Santuario extraurbano.

Buona festa di riapertura, dunque, a chi vorrà partecipare a questa bellissima iniziativa!

Per informazioni e orari: www.tuscoloparcoarcheologicoculturale.it (Parco Archeologico Culturale di Tuscolo, Strada Provinciale 73b, Monte Porzio Catone).

Una news che volevamo condividere con Voi!

La redazione,

Siti Archeologici d’Italia

Foto: tratta da ArteMagazine.