Siti archeologici in Sardegna

La Sardegna è una delle regioni italiane più ricche e suggestive sotto il profilo archeologico. Le sue caratteristiche geografiche e territoriali ne hanno favorito uno sviluppo culturale peculiare ma non estraneo comunque al contesto mediterraneo.

Tracce di presenza umana si hanno già dal Paleolitico Inferiore probabilmente con l'arrivo di popolazioni dall'Elba e dalla Corsica. Dal Neolitico l'isola è popolata in forma stabile. Intorno al IV millennio si sviluppa la cultura di Bonu Ighinu intorno al monte Arci. La Sardegna viene interessata da un grande sviluppo demografico con la successiva cultura di Ozieri nota soprattutto per le necropoli con tombe a grotticella conosciute nella cultura popolare come domus de janas. La crisi del commercio dell'ossidiana agli inizi delle età dei metalli comporta un periodo di crisi per l'isola che tuttavia riuscirà a riprendersi con la cultura di Monte Claro.

Il passaggio alla cultura nuragica avviene in maniera graduale intorno alla metà del II millennio. L'espressione più caratteristica di questa civiltà è proprio il nuraghe: nell'isola se ne contano più di 7.000. La funzione del nuraghe è ancora oggetto di dibattito anche se per lo più si pensa avesse una funzione difensiva e di controllo del territorio.

Di risorse minerarie dell'isola sono state da sempre richiamo per le popolazioni egee che però non hanno mai dato vita ad una vera colonizzazione, cosa che invece hanno fatto i Fenici con una serie di insediamenti lungo la costa. Con la crescita della potenza cartaginese i Fenici hanno dovuto soccombere e la stessa sorte è toccata successivamente anche al popolo autoctono dell'interno. I Romani arrivano nel III secolo a.C. e sfruttano l'isola soprattutto da un punto di vista agricolo. Il declino dell'Impero Romano comporta un graduale impoverimento: l'isola viene invaso dai Vandali e poi sottomessa dall'Impero bizantino.

libro sorrenti

Il territorio di Serrenti
Un centro della Sardegna meridionale dal primo popolamento all’età giudicale
Scopri di più>>

Search
Search
Nearby points of interest
  • Airport
  • Aquarium
  • Art gallery
  • Atm
  • Bank
  • Bar
  • Bicycle store
  • Bus station
  • Cafe
  • Car rental
  • Car repair
  • Museum
  • Park
  • Parking
  • Police
  • Restaurant
  • Subway station
  • Taxi stand
  • Train station
Reset
Resize the map
6 Result(s)
Default
  • Title A to Z
Refine Search
Civiltà
parola chiave
Loading

L'antica città di Nora è situata sul promontorio di capo di Pula, separato dalla terraferma da un istmo e sulla quale troneggia la torre spagnola del Coltellazzo, in un contesto paesaggistico suggestivo. Fu in origine un insediamento fenicio-punico le cui testimonianze però sono state in parte coperte dalla successiva dominazione romana, alla quale appartengono la maggior parte delle strutture oggi visibili.…

Il villaggio nuragico di Su Nuraxi, anche conosciuto come complesso nuragico di Barumini, è il più importante sito archeologico della Sardegna. È stato riconosciuto dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità ed è l’esempio più completo e meglio conservato di nuraghe complesso.…

Il sito archeologico di Santa Cristina è la principale area sacra della civiltà Nuragica: un tempio monumentale con la tipica struttura scavata a pozzo che si fonde poi con un santuario cristiano che ancora oggi ospita feste religiose, creando un’atmosfera di sacralità davvero particolare.…
Booking.com