Siti archeologici in Calabria

La Calabria risulta abitata sin dalla preistoria e una delle tracce più antiche di insediamenti umani nella regione è il Bos primigenius, un'incisione nella Grotta del Romito a Papasidero databile intorno al 9.500 a.C. Molti i siti paleolitici rinvenuti, mentre del Neolitico restano tracce di capanne e necropoli.

La Calabria per la sua posizione è stata terra di continue migrazioni con frequenti conflitti tra le popolazioni che qui si insediano e che di volta in volta danno nomi diversi all'area.

La colonizzazione ellenica della Calabria ha inizio intorno all'VIII secolo a.C. quando coloni greci fondano numerose città lungo la costa, spesso anche in conflitto tra di loro ed esse stesse fondatrici di colonie: le città della Magna Grecia sono colonie ricche e potenti e ancora oggi le testimonianze del passaggio degli antichi Greci in quest'area è centro nevralgico della Calabria archeologica. I Lucani, di ceppo sannitico, si stanziarono sul versante tirrenico intorno al V secolo a.C. affiancandosi alle colonie greche e nel giro di qualche decennio riuscendo anche ad imporre il loro dominio su quest'ultime. A Sud invece si stanziarono i Bruzi, anch'essi minaccia costante per i Greci.

Entrambi si schierarono contro Roma ma invano e proprio l'ascesa dell'Impero Romano ha significato l'inizio del declino per la regione.

Search
Search
Nearby points of interest
  • Airport
  • Aquarium
  • Art gallery
  • Atm
  • Bank
  • Bar
  • Bicycle store
  • Bus station
  • Cafe
  • Car rental
  • Car repair
  • Museum
  • Park
  • Parking
  • Police
  • Restaurant
  • Subway station
  • Taxi stand
  • Train station
Reset
Resize the map
6 Result(s)
Default
  • Title A to Z
Refine Search
Civiltà
parola chiave
Loading

Quando si arriva a Scolacium, ci si ritrova in un luogo scenografico, con vista mare sul golfo di Squillace, dove tra ulivi centenari spiccano i monumentali resti di una basilica bizantina. Ma Scolacium ha molto una storia molto più lunga da raccontare.…

La Grotta del Romito può essere senza dubbio considerata un “capolavoro” della Preistoria. Una piccola grotta aperta all’interno di una rupe calcarea vicina al fiume Lao ha, infatti, ospitato per secoli una comunità preistorica, ma soprattutto un grande artista! Opera di una mano esperta è il graffito su un masso di un Bos Primigenius, preda davvero molto ambita dai cacciatori dell’epoca.…

Il Parco archeologico di Sibari offre l’opportunità di visitare i resti di una delle più ricche e importanti città della Magna Grecia.  Era questo il centro della civiltà degli Enotri, che raggiunse la massima fioritura durante l’Età del Ferro. Nel 730-720 a.C. giunsero i coloni greci dall’Acaia che sconfissero e ridussero i locali in schiavitù e fondarono il centro strategico di Sibari…
Booking.com